Sono le persone con cui condividi esperienze, passioni, ideali, crisi, declini e rinascite.

Quelle con cui ti arrabbi perché pensi che facciano tutto sbagliato ma con le quali sei il primo a complimentarti per qualsiasi risultato ottenuto, piccolo o grande che sia.

Le persone che sproni e da cui vieni spronato a dare il meglio.

Quelle da cui impari e migliori.

Quelle che ti telefonano alle 8 di sera perché hanno avuto una grande idea 5 minuti prima e vogliono sapere cosa ne pensi. Poi finisci a parlare di mille altre cose.

Quelli con cui condividi momenti di vita importanti, formativi e saranno le persone con cui ti troverai per dire “Che bello!”.

Ma sono anche le fidanzate, i fidanzati, le mogli, i mariti, gli amici che si arrabbiano perché sei preso da altro e ti dimentichi cose che prima erano naturali.

Anche se all’inizio faticano a capire ciò che fai, capiscono sicuramente che per te è importante e ti sostengono. A prescindere dai litigi e dalle incomprensioni dovute al nervosismo.

Il team non sono i colleghi.

Il team ti forma e ti sostiene!

Sono le tue gambe quando sei stanco, le tue braccia quando sei debole.

I tuoi occhi che guardano un mondo troppo grande per una sola persona.

Sono parte di te e di quello che sarai.